Crea sito

Monte Candelozzo mt. 1036 da Capenardo

Il Monte Candelozzo è una montagna dell’Appennino Ligure, dalla forma di lungo dorso che sorge lungo lo spartiacque principale dell’Appennino Ligure, ed è la cima più alta del sottogruppo dei Monti di Genova e dell’Alta Val Bisagno. Oltre che per la forma è ben riconoscibile per avere il versante Ovest ricoperto di pini fino alla vetta. Qui propongo la salita da Capenardo ma è possibile raggiungerla anche dal Passo della Scoffera e da Cavassolo.

🏁 Punto di partenza: Capenardo mt. 735

⚠️ Difficoltà:          E 

Sviluppo:           

📈 Dislivello:           300 mt. circa

⏱️ Tempi:              Andata 30 min. – Ritorno 15 min. – Totale 45 min.

📅 Data escursione:      18/12/2008

🚥 Periodi consigliati:   Autunno, Inverno e inizio Primavera

🔎 Valutazione:         ⭐

Accesso:

Dalla Val Bisagno si procede su SS45 in direzione di Bargagli poi, dopo aver superato una galleria si continua ancora per circa 800 metri su Via Bavari per poi svoltare a sinistra su SP14 seguendo le indicazioni per Davagna attraversando così un ponte. Oltrepassato il ponte ci si mantiene a destra in Via Cavassolo, quindi, dopo alcuni tornanti, bisogna abbandonare la SP14 che continua a destra verso Dercogna e svoltare a sinistra seguendo le indicazioni per Marsiglia. Si procede sulla stradina principale che attraversa Maggiolo poi, all’altezza di una curva, si trascura la deviazione a sinistra per Valle e si procede ancora a destra superando poi Mareggia. Dopo una serie di curve e tornanti si raggiunge Calvari, che bisogna superare per poi pervenire ad uno slargo ove si abbandona la strada principale che conduce a Marsiglia e svoltare a destra su una stretta stradina che porta con qualche km di curve all’abitato di Capenardo, dove all’ingresso del paese si può lasciare l’auto in un ampio spiazzo.

Itinerario:

Da Capenardo mt. 735 si segue i segnavia  e che si addentrano nell’abitato per poi diventare sentierino sempre ben segnato. Questo sale costantemente ma mai troppo ripido fra arbusti ed erbette. Superato il Monte Bastia mt. 885, in prossimità di un grosso pannello, si abbandona il per proseguire su crinale sui restanti segnavia. Ora il sentiero diventa un po’ più ripido fino ad arrivare ad un dosso dove inizia la pineta sommitale, unico punto panoramico verso ponente sulle Alpi Occidentali con davanti Alpesisa e Monte Bano. In breve, circa 30 min. da Capenardo, si giunge sulla vetta del Monte Candelozzo mt. 1036 (il monte più alto della Val Bisagno), dove è posto un cippo. Il panorama è unicamente sulla catena dell’Antola e verso levante su Lavagnola, Caucaso e Ramaceto. Ritorno sullo stesso percorso dell’andata in circa 15 min.

Galleria fotografica:

Commenti:

Brevissima escursione alle porte della città, ideale quando si vuole fare due passi e si ha poco tempo disponibile. Il percorso è poco più che una passeggiata con bei panorami sul ponente e le Alpi Occidentali prima di arrivare in vetta, in quanto da quest’ultima il panorama è limitato verso Ovest dagli alberi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *