Crea sito

Giro del Sass Putia

Il Sass de Putia (Peitlerkofel in tedesco) è una montagna delle Dolomiti, si trova tra la val Badia e la val di Funes, all’interno del Parco naturale Puez-Odle. Essendo piuttosto isolata offre un bel panorama a 360 gradi. Per raggiungerla bisogna percorrere la semplice via ferrata, ideale per i neofiti. In questa escursione mi sono limitato a compiere il giro ad anello intorno a tale vetta.

🏁 Punto di partenza: Passo delle Erbe mt. 1987

⚠️ Difficoltà:          E

Sviluppo:          

📈 Dislivello:          

⏱️ Tempi:              Giro ad anello totale 3 ore  20 min.  +  35 min. per la deviazione al Rifugio Genova

📅 Data escursione:    17/08/2006

🚥 Periodi consigliati:  Da Giugno a Ottobre

🔎 Valutazione:        ⭐⭐

Accesso:

Itinerario:

Dal Passo delle Erbe mt. 1987 si segue il sentiero 8A che sale su sterrata, con un breve tratto in falsopiano ed un successivo tratto in discreta salita, immerso in meravigliosi prati, e conduce, in 20 min. circa, al bivio con la vicina Utia Munt de Furnela mt. 2080. La si trascura e si svolta a destra, sempre su sterrata, attraversando i verdi prati di Campaccio. Dopo poco la sterrata termina e si procede su sentierino con un traverso in moderata salita fra i prati. Poi gradualmente i prati vengono sostituiti dalle rocce ed il sentiero diviene via via leggermente più impervio, ma con bella visuale su alcuni soprastanti pinnacoli. Segue poi un punto in leggera discesa, in cui il sentiero diventa un po’ esposto e se bagnato anche piuttosto scivoloso (pertanto è bene procedere lentamente e tenersi vicini alla roccia alla nostra sinistra). Superato questo punto leggermente più difficoltoso il sentiero scende ancora senza difficoltà fino ad un bivio, in 25 min. circa dal Munt de Furnela. Qui si procede dritti sul sentiero 4 che inizia subito a salire piuttosto ripido e con numerosi tornanti fra ghiaioni e massi fino al raggiungimento, in altri 25 min. dal bivio ed 1 ora 10 min. totali, la Forcella de Putia mt. 2357, intaglio erboso fra il Sass Putia e le Odle di Eores. Qui partono alcuni sentieri : a destra si può allungare il giro ed arrivare, con tragitto pianeggiante ancora sul sent. 4, in 20 min. circa, al Rifugio Genova mt. 2301, al cospetto delle vicine Odle (ritorno alla forcella in 15 min.); a sinistra invece il sentiero 4B conduce, con ripide serpentine e 150 metri di tratto attrezzato con funi metalliche, alla cima del Sass Putia mt. 2875 (percorso eseguibile in 1 ora 10 min. a salire e 40 min. a scendere); procedendo invece dritti si seguono le indicazioni per la Malga Vacaria perdendo velocemente quota sul  4B, che va ad intercettare in breve una sterrata che va seguita a sinistra, ora su 4B e 35. Dopo poco si trascura il 4B, che scende verso Misci e Longiarù, procedendo dritti sul 35 con modesti saliscendi fra meravigliose distese prative al cospetto delle pareti Sud-Est del Sass Putia ed un bellissimo panorama sulla Croda di S. Croce e sulla Val Badia. Raggiunta la Malga Vacaria, in circa 45 min. dalla forcella, si continua ancora su sterrata ed in altri 15 min. si perviene ad un bivio in corrispondenza di una baita, punto in cui bisogna abbandonare la sterrata a destra e svoltare su sentierino a sinistra arrivando così in breve al Passo Goma mt. 2111 .Dal passo si procede sul 8B che, con parecchi sali-scendi conduce, in circa 30 min. e 2 ore 40 min. totali, all’Utia de Goma (di recente ristrutturazione). Poi, dopo aver attraversato un tratto pianeggiate all’interno del bosco, si raggiunge il Munt de Furnela, in 30 min. dall’ Utia de Goma, per poi scendere, ora sull’8A dell’andata fino al Passo delle Erbe, in altri 10 min. chiudendo così l’anello.

Galleria fotografica:

 

Commenti:

Questo percorso ad anello permette di aggirare il Sass Putia, bella montagna, la più a nord delle Dolomiti. L’ideale sarebbe stato dalla Forcella deviare a sinistra e salire alla cima ma per mancanza di tempo e attrezzatura da ferrata ho desistito. Bellissimi i panorami che si vedono superando la Forcella sulla Val Badia e sul gruppo del Puez-Odle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *