Crea sito

Anello di Pomà mt. 335 da San Desiderio

Pomà è un minuscolo borgo sulle alture del quartiere Genovese di San Desiderio. Qui propongo un percorso ad anello molto semplice con partenza proprio da San Desiderio, adatto anche alle famiglie con bambini.

🏁 Punto di partenza: San Desiderio mt. 120 

⚠️ Difficoltà:          E da San Desiderio a Pomà, T da Pomà a San Desiderio per la strada

Sviluppo            5,9 km

📈 Dislivello:           350 mt. circa

⏱️ Tempi:              Giro ad anello totale 2 ore

📅 Data escursione:      20/03/2021

🚥 Periodi consigliati:    Autunno, Inverno e inizio Primavera

🔎 Valutazione:         ⭐⭐

Accesso:

Da Genova si procede in Corso Gastaldi, al termine della quale ci si mantiene a destra su Via San Martino fino al suo termine, per poi deviare a sinistra in Via Lagustena. Giunti ad una rotonda si svolta a destra in Via Borgoratti che va seguita fin quando termina proseguendo a sinistra su Via Posalunga. Attraversato quindi il quartiere di Borgoratti  si continua dritti su Via Cadighiara, che diviene a tratti un po’stretta e, trascurata a sinistra la deviazione per i Tre Pini, si procede ancora dritti ora su Via Nasche fino ad un bivio in corrispondenza di un tornante, dove si svolta a destra, sempre in Via Nasche. Questa diviene poi Via Ettore Bisagno e conduce ad una piazzetta con rotonda, capolinea del bus 86, dove si procede dritti in Via Emilio da Pozzo fin quando termina in corrispondenza di un ponte, che va seguito sulla destra. Ora ci sono due possibilità ossia svoltare a sinistra in Via Casabona e tornare a ritroso passando per uno strettissimo viottolo e cercare parcheggio ove possibile oppure continuare in ripida salita in Via alla Chiesa di San Desiderio, strada che diviene via via sempre più stretta e conduce dapprima a dei campi sportivi, ove vi sono alcuni posti auto e poi continuando in salita ed oltrepassando la chiesa fino al grosso parcheggio del campo da calcio (seguire indicazione per Park calcio), che però non è sempre disponibile. Io ho optato per la prima soluzione   

Itinerario:

Dall’Oratorio di San Giacomo si procede a ritroso su asfalto in Via Casabona per poi deviare a sinistra e risalire su asfalto Via alla Chiesa di San Desiderio seguendo i posti sui muretti di pietre a bordo strada. Questa sale piuttosto ripida e, dopo aver superato la chiesa, si trascura poi la deviazione a sinistra per il cimitero e si procede dritti seguendo le indicazioni per il “Park Calcio” sempre su asfalto che in breve conduce nei pressi del grosso parcheggio antistante il campo da calcio di San Desiderio. Si procede ancora su asfalto per qualche decina di metri giungendo quindi ad un bivio con palina in legno, in 10 min. circa, dove bisogna trascurare l’indicazione a destra per Pomà (dalla quale arriveremo al ritorno), per piegare invece a sinistra seguendo le indicazioni per il Monte Bastia e la Grotta dell’Eremita. Ora su sentierino sempre contrassegnato da segnavia si procede in falsopiano all’interno del bosco giungendo in breve ad un ampio spiazzo, in corrispondenza della Grotta dell’Eremita, oltre la quale il sentiero inizia salire costantemente ma con pendenza poco marcata. Giunti poi ad un rudere il sentiero volge decisamente a destra e con alcuni tratti in ripida salita conduce alla selletta erbosa panoramica con panchette in legno chiamata Loc. Castagnasera mt. 403, in altri 45 mi. e 55 min. totali. Qui si trascura il sentiero che procede dritto verso Bavari e si svolta a destra seguendo le indicazione per Pomà su sentiero in piano contrassegnato da segnavia . Questo si presenta piuttosto esile e con qualche tratto leggermente esposto compiendo un lungo traverso in falsopiano verso Est fra rado bosco e arbusti. Superata poi la Fonte Minigua, pressoché nel punto più alto del percorso, si perde quota con maggiore decisione su sentiero in un paio di tratti un po’tortuoso e su roccette, quindi con qualche tornantino si perviene al guado del Rio Pomà, in altri 25 min. circa. Questo in presenza d’acqua è da affrontare con un minimo di attenzione essendo da effettuare nel punto esposto in corrispondenza del margine della cascata con un salto di una decina di metri, ma risulta comunque attrezzato con cavo metallico. Oltrepassato il guado il sentiero scende fino a rasentare una graziosa casetta, superata la quale in breve si discende fino alla distesa prativa di Sant’Alberto di Pomà, in 5 min. dal guado ed 1 ora 25 min. totali. In corrispondenza di una fontana/lavatoio su un albero sono poste delle indicazioni, punto in cui si trascura a sinistra il sentiero per Premanico e Apparizione e si procede invece dritti seguendo quello per San Desiderio con segnavia . Dopo aver rasentato subito la chiesetta si discende quindi lungo una creuza lastricata di pietre prima, e poi mattonata, che si trasforma infine in carrabile cementata piuttosto ripida dopo le ultime case. Questa sbuca su strada asfaltata in corrispondenza di un ponticello in cemento, punto in cui si trascura la sterrata a destra che risale a Pomà andando invece ad attraversare il ponte svoltando a sinistra procedendo poi su strada asfaltata in Via Pomata per circa 1 km fino a raggiungere il bivio Pomà/Eremita. Ora come per l’andata, in 35 min. da Pomà e 2 ore totali.    

Galleria fotografica:

Grafici del percorso:

Commenti:

Percorso ad anello semplice semplice, adatto anche a famiglie con bambini, su percorso ben segnato e dove l’unica insidia, può essere l’attraversamento del guado, comunque attrezzato. Pomà è davvero un luogo grazioso, con il suo ampio prato che si presta per semplici scampagnate primaverili. Volendo, per chi non volesse effettuare l’anello, è possibile salire direttamente sulla semplice strada asfaltata, che è sicuramente più breve, con meno dislivello e più velocemente raggiungibile, ma indubbiamente risulta meno interessante. Prestare molta attenzione dal bivio fino a Castagnasera in quanto il percorso F.I.E. combacia con quello del Trail dell’Eremita in MTB, quindi può capitare di incontrare ciclisti che scendono in velocità. 

2 Risposte a “Anello di Pomà mt. 335 da San Desiderio”

  1. Il parcheggio di S. desiderio si trova salendo sulla destra, subito prima di arrivare alla piazza del capolinea, ad est.
    Non andate al parcheggio del campo da calcio, chiuso.
    Genova, 18.4.21

    1. Grazie della segnalazione, in effetti lo avevo scritto che non sempre è disponibile, anche quando ero andato io l’avevo trovato sbarrato da una catenella. Io non avevo nemmeno tentato di arrivare al parcheggio del campo perché sapevo che la strada è piuttosto stretta, perciò ho lasciato l’auto erroneamente nei pressi dell’Oratorio, ma mi è stato fatto presente che è riservato al ristorante anche se il cartello non è ben visibile. Conviene pertanto lasciarla appunto prima del capolinea dell’autobus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *