Rifugio L. Bozano mt. 2453

PUNTO DI PARTENZA:

Gias delle Mosche mt. 1591   

ACCESSO:

Da Genova con l'autostrada A10 fino a  Savona poi svoltare a destra seguendo le indicazioni per Torino sulla A6 fino a Mondovi'. Usciti dall'autostrada si segue la superstrada e ad una rotonda si segue la  SP564 fino alle porte di Cuneo. Qui si svolta sulla SP21 che evita la città e lambisce Boves per giungere a Borgo San Dalmazzo .Usciti dall'abitato si procede dritti sulla SP 22 che attraversa Valdieri.  Poi dopo qualche chilometro c'e' una rotonda ; si trascura la deviazione a sinistra per Entracque e si procede dritti superando S.Anna di Valdieri fino a Teti Gaina . Qui diventa SP239 e inizia a salire più decisamente nell'ultimo tratto con qualche tornante fino a Terme di Valdieri. Superato il ponte si svolta a sinistra e si inizia a salire su strada asfaltata (ma in certi punti un po' sconnessa) nel Vallone della Valletta. Dopo qualche chilometro si arriva al Gias delle Mosche, dove finisce la strada asfaltata ed inizia lo sterrato. Qui vi sono alcuni ampi spiazzi dove si può lasciare l'auto.  

ITINERARIO:

Dal Gias delle Mosche mt. 1591 inizia il sentiero che si addentra subito nel bosco di abeti bianchi ,con ripidi e continui tornanti. Dopo circa 45 min. si esce dal bosco e si arriva al Gias del Saut mt. 1847 , nei pressi del quale il torrente forma dei laghetti ,con delle graziose cascatelle. Proseguendo in moderata salita si arriva ,in altri 45 min. ,al Gias della Mesa mt. 2082. Ora il sentiero piega decisamente a sinistra ed inizia ad inerpicarsi con una serie di tornanti. Dopo poco inizia un modesto boschetto di larici ,sul margine di un costone roccioso. Superatolo si giunge in breve ad un piccolo ripiano ,a circa mt. 2200 , dove sorgono i resti di un Gias ,in altri 30 min. dal Gias della Mesa.  Ora il sentiero procede in costante salita su grossi sfasciumi e rocce ,fino ad arrivare ,in altri 30 min. e 2 ore 30 min. totali, al Rifugio L. Bozano mt. 2453. Questo e' posto alla base del Corno Stella, sovrastato anche dalla restante parte del massiccio dell'Argentera. Dal rifugio, seguendo le su grossi massi , si punta in direzione della Madre di Dio ed il Rifugio Remondino, fino ad una palina che indica il sentiero del pastore. Qui si svolta a destra e su tracce con frequenti , si perde quota andando a sbucare al Gias della Mesa e da qui come per l'andata in 2 ore totali dal Rifugio.

DIFFICOLTA':

E il percorso non presenta alcuna difficoltà

TEMPI:

Andata           2 ore   30 min.  

Ritorno           2 ore

Totale        4 ore  30 min.

DATA ESCURSIONE:

15/09/2007

COMMENTO:

Questo Rifugio e' situato alla base della parete Sud del Corno Stella, pertanto importante base per le ascensioni alpinistiche. Quindi e' utili per gli alpinisti ,un pò meno per escursionisti collezionisti di vette come me. Il Rifugio e' dedicato a Lorenzo Bozano, il quale e' stato dapprima segretario e vicepresidente per ben 18 anni e infine presidente della sezione ligure del CAI dal 1904 al 1913. Il nuovo Rifugio e' stato costruito affianco al vecchio Rifugio,costruito nel lontano 1921.

PERIODI CONSIGLIATI:

Da Giugno a Ottobre

GALLERIA FOTO:

Al Gias delle Mosche ,dove inizia il sentiero

Dal Gias del Saut appare il Corno Stella

Il Corno Stella

Ultimo tratto fra i massi in vista del Rifugio Bozano

Ungulati nelle vicinanze del Rifugio Bozano

Il Rifugio

Il Rifugio e la Catena delle Guide

        Torna a Itinerari                        Torna a Home