Avvertenze

 

 

 

 

 

 

TEMPI:

I tempi impiegati ad effettuare le escursioni sono del tutto personali e da tenere presente esclusivamente a titolo indicativo. Ho riscontrato che rispetto ai tempi segnalati su internet, su segnaletiche e su alcuni libri e guide quelli impiegati da me sono di norma inferiori, soprattutto in salita.

VALUTAZIONE :

Ad ogni escursione ho attribuito una valutazione del tutto personale che va da un massimo di 5 ad un minimo di 0 calcolata con una media fra vari fattori ossia il percorso ,il panorama , la particolarità dell'ambiente e la rimuneratività dell'escursione.

DIFFICOLTA':

La simbologia utilizzata per descrivere le difficoltà dei percorsi e' la seguente:

Difficoltà escursionismo
T  Turistico : Itinerario su strada,mulattiera o sentiero evidente e ben marcato; dislivello non superiore ai 1000 metri; elementare equipaggiamento da gita.
E  Escursionistico : Itinerari piu' lunghi e non sempre su sentieri evidenti , possono comprendere tratti senza tracce o zone rocciose piu' ripide con passaggi in genere non molto esposti, a volte anche attrezzati; equipaggiamento adeguato , da montagna.                         
EE Per escursionisti esperti : Itinerari che possono richiedere anche facile arrampicata su roccia, con problemi d'esposizione, passaggi su nevai ed in generale l'attraversamento di zone impervie; equipaggiamento adeguato anche alla sicurezza individuale.
EEA Per escursionisti esperti con attrezzatura : Itinerari su vie ferrate o percorsi alpinistici attrezzati, dove la frequenza delle attrezzature, l'impegno fisico richiesto e la notevole esposizione rendono necessario l'uso di attrezzature per l'autoassicurazione e l'eventuale assicurazione reciproca.
Difficoltà alpinismo - scala francese
F F+ :  Facile (non presenta particolari difficoltà)
PD- PD PD+ : Poco difficile (presenta qualche difficoltà alpinistica su roccia e neve, pendii di neve/ghiaccio fino a 35-40°)
AD- AD AD+ : Abbastanza difficile (presenta difficoltà alpinistiche su roccia e ghiaccio ,pendii di neve/ghiaccio fino a 40-50° )
D- D D+ : Difficile (presenta difficoltà alpinistiche su roccia e ghiaccio ,pendii di neve/ghiaccio fino a 50-70° )
TD- TD TD+ : Molto difficile (forti difficoltà alpinistiche su roccia e ghiaccio, ghiaccio fino a 70-80°)
ED- ED ED+ : Estremamente difficile (difficoltà alpinistiche estreme su roccia e ghiaccio ,ghiaccio fino a 90°)
Difficoltà alpinismo - scala UIAA (WELZENBACH)
I Facile : E' la forma più semplice di arrampicata ,bisogna scegliere l'appoggio per i piedi e con le mani si usano frequentemente appigli, ma solo per equilibrio.
II Poco difficile : Si richiede lo spostamento di un arto per volta ed una corretta impostazione dei movimenti. Appigli ed appoggi sono abbondanti.
III Abbastanza difficile : La struttura rocciosa è ripida o addirittura verticale , appigli ed appoggi sono meno abbondanti e può richiedere talvolta l'uso della forza. I passaggi non sono ancora obbligati.
IV Difficile : Appigli ed appoggi son piu' rari e/o esigui , richiede una buona tecnica ed un certo grado di allenamento.
V Tremendamente difficile : Appigli ed appoggi sono rari ed esigui , l'arrampicata richiede tecnica e/o impegno muscolare. E' necessario normalmente l'esame preventivo del passaggio.
VI Estremamente difficile : Appigli ed appoggi sono esigui e disposti in modo da richiedere una combinazione particolare di movimenti ben studiati. La struttura rocciosa può costringere ad un'arrampicata molto delicata in aderenza o decisamente faticosa su strapiombo. Necessita allenamento e notevole forze nelle braccia e nelle mani.
METEO :

E' consigliabile seguire il meteo il giorno che precede un'escursione e consultare più bollettini cercando possibilmente quelli che si si riferiscono alla zona dove si vuole effettuare l'escursione. Soprattutto in estate prestare molta attenzione quando i bollettini presentano tempo instabile perché non sono improbabili formazioni temporalesche. Evitare in questi casi escursioni lunghe che non presentano punti d'appoggio. Per evitare i temporali nella stagione estiva e' preferibile iniziare le escursioni al mattino presto perché nel corso del pomeriggio e' più probabile l'instabilità'.E' fondamentale durante l'escursione osservare l'evolvere del tempo e la direzione delle formazioni nuvolose. Nel caso le condizioni del tempo dovessero mutare con ovvio peggioramento e' importante saper rinunciare all' escursione che si sta intraprendendo. Spesso un rovescio temporalesco e' preceduto da un forte soffio di vento freddo. Osservando questi consigli e' più probabile scongiurare la possibilità di ritrovarsi ad effettuare un'escursione col maltempo (che non e' per niente piacevole e soprattutto e' molto pericoloso).

NOTE LEGALI :

Come già inserito nella pagina degli itinerari ripropongo le note legali per manleva:

I percorsi descritti sono stati sperimentati in prima persona . Tuttavia l'autore non si assume alcuna responsabilità per eventuali inesattezze o per danni che possono verificarsi percorrendo tali percorsi .La descrizione dei percorsi e' infatti indicativa e non impegna in alcun modo l'autore. Pertanto l'autore del sito non si assume alcuna responsabilità per incidenti di qualsiasi sorta,occorsi percorrendo i tracciati indicati. Va infatti tenuto in considerazione che le trasformazioni naturali ed antropiche dell'ambiente montane possono avere nel tempo modificato le condizioni degli itinerari qui descritti. Si consiglia inoltre a coloro che intendano intraprendere le escursioni qui proposte di valutare attentamente le proprie condizioni ,quelle della montagna e soprattutto quelle meteorologiche e di munirsi di dettagliate cartine escursionistiche.

 

        Torna a Home