Rocca Radevil mt. 1957

PUNTO DI PARTENZA:

Case Ronvello mt. 1078

ACCESSO:

Da Genova con l'autostrada A10 fino a  Savona poi svoltare a destra seguendo le indicazioni per Torino sulla A6 fino a Mondovi'. Usciti dall'autostrada si segue la superstrada e ad una rotonda si segue la  SP564 fino alle porte di Cuneo.  Qui si svolta sulla SP21 che evita la città e lambisce Boves per giungere a Borgo San Dalmazzo . Qui si svolta a destra seguendo le indicazioni per Demonte su SS20 ed usciti da Borgo San Dalmazzo si procede su SS21 che percorre la Valle Stura ,raggiungendo poi il paese di Demonte. Si entra in paese e ,più o meno nel centro di esso ,si svolta a destra sotto ai portici seguendo l'indicazione per l'Albergo Moderno. Si segue questa stretta stradina che scende fino ad uno slargo ,raggiungendo appunto l'Albergo. Qui si svolta a sinistra ed in breve si raggiunge un ponte ,che va attraversato seguendo le indicazioni per Cornaletto. Si sale fino a raggiungere un bivio , dove si trascura la deviazione a destra per Cornaletto e si svolta invece a sinistra seguendo le indicazioni per Parafauda. Si segue sempre la strada principale che raggiunge il piccolo borgo di Saret e continuando ancora per qualche tornante si giunge alle prime costruzioni di case Rounvel. Si superano ed in uno slargo erboso si può lasciare l'auto.   

ITINERARIO:

Da Case Ronvello mt. 1078 si segue subito l'indicazione per il Colle dell'Ortiga e Rocca Radevil sul P8   percorrendo la carrareccia ,a tratti asfaltata, che sale moderatamente con qualche bello scorcio a Sud sulle Marittime e sulla vicina Cappella della Madonna del Ronvello. Dopo poco si attraversa un piccolo ponticello ,per poi procedere con qualche tornantino fino ad un bivio, in 30 min. circa. Qui si trascura la sterrata a destra ,che conduce alle borgate di Alberetto, e si svolta su quella di sinistra ,ancora sul P8 (con indicazioni per i Colli Angelino,Ferriere e Ortiga) , che in breve conduce ai ruderi della borgata Tetto Montrosà. La sterrata percorre ora un breve tratto in radura ,per rientrare poco dopo all'interno del bosco ,prendendo quota con alcuni ampi tornanti fino a raggiungere ,in altri 25 min. ,il Colle Angelino mt. 1419. Qui si incontra un bivio, dove bisogna trascurare la sterrata a sinistra ,che conduce al Colle di Ferriere, per seguire invece quella di destra ,che conduce al Colle dell'Ortiga. Si continua sempre su sterrata che ,all'interno di un bosco misto di conifere e faggi, in costante salita, raggiunge un successivo bivio ,in altri 25 min. circa ,dove bisogna trascurare la deviazione a destra per Valloriate e continuare dritti verso il Colle dell'Ortiga. Dopo circa 10 min. si raggiunge una radura con una enorme vasca ,per poi raggiungere, fra abeti e larici ,una successiva radura ,in altri 10 min. , dalla quale si può ammirare per la prima volta la Rocca Radevil. Con un'ultima moderata rampa si approda, in altri 10 min. e 1 ora 50 min. totali, al Colle dell'Ortiga mt. 1774, dove si può ammirare già un meraviglioso panorama principalmente sulla Rocca Radevil a sinistra ed il Monviso alla sua destra. Qui finiscono le segnalazioni, pertanto bisogna trascurare a destra una evidente traccia ,che conduce alla Beccas del Mezzodì , e svoltare invece a sinistra su traccia che risale un dosso erboso. Una volta raggiunta la sua sommità si procede su crinale fino alle prime rocce. Più o meno all'altezza di alcuni spuntoni di roccia ,bisogna abbandonare l'evidente sentiero ,con ora segnavia   che procede verso Rocca Pergo, e piegare a destra seguendo un'esile traccia (che a un certo punto scompare) che risale un canalino erboso ,incastonato fra due modeste bastionate rocciose. Dopodiché si raggiunge la cresta, che bisogna seguire fino alla vetta della Rocca Radevil mt. 1957 ,in 30 min. dal Colle dell'Ortiga e 2 ore 20 min. totali. Panorama a Nord il Monviso, a Nord-Est la pianura, ad Est la vicina Beccas del Mezzodì, a Sud-Est le Alpi Liguri (Bisalta, Mongioie, Saline e Marguareis), a Sud le Alpi Marittime ,tra le quali Rocca dell'Abisso,Monte Aiera, Clapier ,Cima del Lausetto,Oriol,Argentera e Matto, a Sud-Ovest Corborant, Ischiator e Testa dell'Ubac ,ad Ovest il vicino Monte Prapian e a Nord-Ovest l'ancor più vicina Rocca Pergo. Ritorno sullo stesso percorso dell'andata in circa 2 ore.                    

                                                                            

DIFFICOLTA':

E , EA in presenza di neve e ghiaccio nel tratto finale 

TEMPI:

Andata       2 ore  20 min. 

Ritorno       2 ore    

Totale        4 ore  20 min.   

DATA ESCURSIONE:

09/01/2012

COMMENTO:

Semplice e gradevole escursione ,adatta per i periodi autunnali o primaverili, quando le vette a quote maggiori sono molto innevate e pericolose, o ,come quest'anno, in inverni scarsi di precipitazioni nevose perlomeno a quote relativamente basse come questa. Bello il panorama a Nord sul Monviso e a Sud sulle Marittime. Il percorso fino al Colle dell'Ortiga e' un pò monotono, trattandosi di una sterrata quasi completamente all'interno del bosco, dopo di esso invece diventa molto panoramico e piacevole.      

PERIODI CONSIGLIATI:

Da Aprile a Giugno e da Ottobre a  Novembre

TRACCIA GPS:

          

GALLERIA FOTOGRAFICA


      Torna a Itinerari                        Torna a Home